giovedì 21 aprile 2016

Qualcosa che ho imparato facendo il Blogger. Senza successo.

Ma è creativa la roba che scrivo?
E' creativa oppure io penso di essere una persona creativa? Che però nella scrittura si applica poco.
Come a scuola i professori dicevano di me che: << il ragazzo è intelligente, ha diverse potenzialità, ma non si applica>>.
Mettiamola così: nella scrittura ho poca creatività e non sono tanto capace di scrivere.
O dovrei fare un corso di scrittura creativa.

Anche per questo ho scelto di fare il blogger e non lo scrittore.
Perchè un blogger scrive post, per il blog, e possono essere anche brevi. 
Possono essere di tipo diverso a seconda di quello che si vuole comunicare. 
Si possono integrare insieme contenuti multimediali diversi come: link, immagini, video. Si possono mettere in risalto parole o concetti chiave, creare elenchi all'interno del post. 
E poi integrare prima o dopo il post i tasti di condivisione: a Facebook, twitter, eccetera. Per invitare alla condivisione. Cosa necessaria.
Tutte cose che per gli articoli tradizionali non si fanno.
E' il caso dell'informazione.
Gli articoli veri e propri hanno delle metriche da rispettare, più rigide. Li vedo statici, poco coinvolgenti.
Al giorno d'oggi anche i siti di informazione integrano un sacco di contenuti multimediali che non si capisce più se sono articoli o post. Ci vorrebbe un termine tra questi due

E poi ad esempio il Corriere della sera: dovrei chiamarlo sito o blog del Corriere della Sera? C'è differenza. A parte Questo, un sito o blog di una testata giornalistica autorevole, produce articoli o post?

Diciamo così, secondo me gli articoli veri e propri sono quelli dei giornali, intendo quelli che ci sono sui quotidiani d'informazione. Ma ormai quelli sono obsoleti. 
Danno informazioni parziali e talvolta di parte. Perchè ricevono finanziamenti pubblici e sono "giostrati" dalle lobby, amiche della politica.
Infatti i giornali non li compra più quasi nessuno.


Qualcuno mi dica se questi dati sono veri.
Mi sorge una domanda: perchè io dovrei dare i miei soldi, attraverso le varie tasse che si pagano, per mantenere questi giornali che non legge più nessuno...?
Poi perchè dovrei comprare un giornale, un quotidiano, per sapere le notizie del giorno prima?.... 
Ma qui sto andando oltre quello che volevo dire in questo post, che non ho ben chiaro neanche io. 
Cosa volevo dire con questo post?....hem...

Un blogger, a parte che per l'informazione, può scrivere anche in modo un po' "strampalato" a seconda di quello che ha da dire e anche a seconda del suo modo di comunicare. Che è personale. 
Può scrivere anche in modo informale, diretto, per creare coinvolgimento. 
Fare interessare le persone in modo semplice a quello che ha da dire.
Quello che è sicuro è che deve avere qualcosa da dire, argomenti specifici su cui è ferrato, appassionato. Poi a seconda degli argomenti trattati si tratterà il tema con più o meno serietà.
Bisogna avere anche la giusta sensibilità a seconda del tema di cui si vuole trattare.
Certo non bisogna parlare di argomenti troppo diversi in un blog, almeno che non si voglia creare un multiblog. 
Un blog che tratta di argomenti diversi che vengono suddivisi in sezioni... eccetera, eccetera....


Spero di non avere annoiato!

Alla prossima

Nessun commento:

Posta un commento